Biblioteca Baltica

Scaffale di letteratura lettone, narrativa e poesia (traduzione italiana a cura di Paolo Pantaleo)

Tu non sei neve

di Inga Pizāne

Tu non sei neve
se appena tocchi terra
io non ti vedo più

Tu non sei inverno
se nel tuo grembo
io non rinasco

Tu non sei un sogno
se sul fare del giorno
io non ti ricordo

ottobre 24, 2018 · Lascia un commento

Fragole per il mio fratellino

di Vladis Spāre

…Mi sedetti su una panchina, nel parco dell’ospedale e mi misi a mangiare le fragole. Erano aspre, come il frutto di un’estate piovosa.

marzo 30, 2018 · Lascia un commento

Vergogna a Gaveiki

di Nora Ikstena

“La prima volta lei accese candele dappertutto. Che sia romantico. Why not…”

gennaio 19, 2017 · 1 Commento

Bambini nelle terre di Siberia (2)

di Andra Manfelde

“Appena arrivati, a noi bambini fecero ingoiare delle pasticche. Terribilmente amare, lasciavano in bocca un sapore più forte dell’assenzio.. Forse perché non dovevamo morire, ma solo costruire il comunismo…”

ottobre 1, 2014 · Lascia un commento

Andriksons

di Rūdolfs Blaumanis

“Un fattore vorrebbe parlare con voi, signor barone”.
“Chi è?”.
“Il fattore di Klaucēni”.
“Ah, arrivo.. Cosa vuole?”.
“Non so, signor barone. Non lo dice…”

settembre 11, 2014 · Lascia un commento

“Visu gadu Jāni gaidu” – Le canzoni popolari lettoni del solstizio d’estate

L’atmosfera della notte più breve dell’anno nelle antiche canzoni della tradizione lettone

La più breve delle notti
E’ la notte del solstizio:
Qui rabbuia, qui risplende
Nelle fiamme dei falò

giugno 17, 2014 · 2 commenti

Ti amo, strada bambina

di Ojārs Vācietis

Ti amo, strada bambina,
con tutta la tua calma irreale,
con la gioia pesata al chilo
e ciò che, sopra le righe, si strappa.

novembre 13, 2013 · Lascia un commento

“La nostra casa non rimane vuota”

di Vizma Belševica

La nostra casa non rimane vuota.
Ci svernano le farfalle.
E in fragili sogni di tempeste di neve
i fiori vengono a visitarle…

Quattro poesie della grande poetessa lettone

settembre 6, 2013 · 5 commenti

Epifanie (Epifānijas)

di Imants Ziedonis

“Hai dita trasparenti, ci vedo il sole e il sangue pulsare. Di salmoni d’argento e di uova d’oro è fatto il tuo sangue…”

maggio 2, 2013 · 2 commenti

Vorrei parlare così, silenziosa

di Māra Zālīte

“Vorrei parlare così, silenziosa
come, appena sbocciata, una rosa…”

aprile 5, 2013 · Lascia un commento

Un seme nella neve (poesie e lettere dal gulag)

di Knuts Skujenieks

“divincolarti dal sonno, questo ti preme,
e nella neve affondare un quieto seme…”

febbraio 16, 2013 · 1 Commento

La rosa di Liena (un racconto di guerra)

di Kārlis Skalbe

“Quando torna a casa papà?” chiedeva il piccolo Andris alla mamma, tirandola per il grembiule…

gennaio 25, 2013 · Lascia un commento

Viegli (Facile)

di Imants Ziedonis

“…stanotte parlo con me stesso
e grazie a Dio che non lo sospetti”

Dieci poesie del grande poeta lettone da “Viegli”

gennaio 5, 2013 · 3 commenti

Ziemassvētki atbraukuši – Le canzoni popolari lettoni di Natale

L’atmosfera del Natale nelle antiche canzoni popolari lettoni.

Andiam bambini, a far le maschere
in questa sera di Natale;
ci daranno da mangiare
e una notte per dormire…

dicembre 22, 2012 · 3 commenti

Ojārs Vācietis (1933-1983)

Ojārs Vācietis (1933-1983) nasce il 13 novembre da una famiglia contadina di Trapene, vicino al confine con l’Estonia. Trascorre nella fattoria natale, “Dumpji”, i primi anni di vita e l’adolescenza. … Continua a leggere

dicembre 22, 2012 · Lascia un commento

Il Natale del coniglietto bianco

di Margarita Stāraste

“Un tempo viveva ai margini del bosco una famiglia di coniglietti, molto molto povera. D’estate non se la passavano male, ma quando giungeva l’inverno…”

dicembre 15, 2012 · Lascia un commento

Le Dainas lettoni

di Kārlis Skalbe

Un saggio sulle Dainas, le antiche canzoni popolari lettoni, e la loro grande influenza sulla cultura e l’identità stessa della Lettonia.

dicembre 8, 2012 · Lascia un commento

Kārlis Skalbe (1879 – 1945)

La biografia dello scrittore e poeta lettone, uno dei protagonisti della prima fase di indipendenza del paese. Celebri le sue favole per bambini, che gli fruttarono l’epiteto di Andersen lettone.

dicembre 8, 2012 · Lascia un commento

Il soprabito di seta

di Jānis Ziemeļnieks

Il giorno del suo 23° compleanno la signora Apse ebbe la sgradevole sorpresa di ricevere in regalo da suo marito, al posto del desiderato soprabito di seta, un semplice braccialetto di pietre finte…

novembre 24, 2012 · Lascia un commento

Archivi

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Biblioteca Baltica è

Un blog che pubblica brani di letteratura lettone tradotti e curati da Paolo Pantaleo.

Tutti i diritti delle traduzioni in italiano dei testi lettoni qui pubblicati sono riservati.
Per informazioni paolopanta@hotmail.com